Il Gae

pubblicato in: News | 0

Venerdi 20 e Domenica 22 andrà in scena a Inzago la Penguins Cup Memorial Gae!
Chi era il Gae? Perché abbiamo deciso di dedicargli questo torneo? Cos’è stato il Gae per le Forze Vive Inzago? In una parola potremmo dire TUTTO.
Per chi non lo conosceva questo era il Gae!

Dici Basket Forze Vive e dici Gaetano Brusamolino.
Intere generazioni sono passate tra le sue mani, da quando ancora si giocava all’aperto nel campetto dell’oratorio, da quando è nata la prima squadra femminile a quando abbiamo iniziato a giocare noi che ora siamo il nuovo corso delle Forze Vive

Il Gae era sempre in palestra con i suoi ragazzi, un maestro di basket e di vita, il terzo tempo, la virata, il movimento in post basso, il comportarsi bene dentro e fuori dal campo e infine il suo marchio di fabbrica, il gancio cielo “Gae”!
Ha insegnato basket e ha insegnato a stare al mondo con la sua serenità e la sua totale capacità di adattarsi ai cambiamenti, di modificare il suo modo di insegnare la pallacanestro e di comunicare coi ragazzi.

Lo abbiamo maledetto in tanti da ragazzini per le ore e ore passate a spezzare il polso tirando la palla contro il muro, poi però quando il tiro bruciava la retina e il PalaPinguino esplodeva il merito era suo e di quelle ore che sembravano infinite.
Indimenticabili le sue sfuriate durante i timeout, quando ci diceva che non capivamo un “tubasso” o che dovevamo “avere la voglia di starci in campo”, mezzi strafalcioni che lo rendevano unico!

In questi ultimi anni noi giovani eravamo pieni di entusiasmo e voglia di fare, più volte ci ha invitato a riflettere sugli effetti che alcune nostre scelte potevano avere, senza mai imporsi, sempre in punta di piedi, lasciandoci fare i nostri errori e invitandoci a pensare se fosse davvero la cosa giusta da fare.

Il Gae ha deciso di andarsene troppo presto e ci mancherà un sacco e anche se la Penguins Cup è soltanto un torneo di pre-season vuole essere il nostro modo di ricordarlo, perché senza il Gae non saremmo quelli che siamo oggi, come persone, come società e come giocatori!

Ciao Gae